venerdì 18 ottobre 2013

A che ora è la fine del mondo?

Mazzate, mazzate, mazzate e ancora mazzate. Fai una cosa sbagliata, mazzate. Diceva Einstein che se ripeti sempre lo stesso comportamento non puoi aspettare che la tua vita cambi. E allora mazzate. L'universo ti da uno schiaffettino sulla mano ogni volta che l'allunghi per rubare qualcosa, o per mangiare prima che siano tutti pronti. Quanti schiaffi ci vorranno prima di accettare di fare come dice Lui? Prima di riuscire ad abbandonarsi completamente e fregarsene del controllo di tutto e della paura che uno mi rubi il piatto o che morirò di fame o che semplicemente il mondo non mi ami o che la mia ragazza mi abbandonerà o che lo farà mia madre o che farò una brutta figura di fronte alla maestra e ai miei compagni? Quanto ci vorrà prima di fidarci degli altri? Quanto ci vorrà per abbandonare tutte le illusioni che sono solo nella nostra testa e finalmente riuscire a vedere la realtà per quello che è: perfetta. Quante mazzate ci vorranno prima di accettare di essere se stessi, e fare finalmente la propria volontà che è la stessa di quella dell'Universo? Quante guerre ci vorranno? Quanti nazismi? Quanti Vietnam? Quanti 11 Settembre? Quante Lampeduse? Quante Afriche? Quanti colon irritabili? Quante gastriti? Quanti cancri? Quando?

2 commenti:

Andrea Parovèl ha detto...

davvero intenso. Grazie.

Davide Valenti ha detto...

ciao grande!