martedì 30 settembre 2008

SE NON HAI VOGLIA DI PENSARE

La scrittura aiuta a schiarirsi le idee, a capire quali idee ci sono nella mente.
Anche la meditazione aiuta in questo compito, ma forse la scrittura mi piace di più.
Essa viene in maniera obbligata. Non puoi fare a meno di scrivere.
Invece di sforzarsi a trovare idee nella mente, che è un lavoro faticoso perchè non spontaneo, si mettono sul foglio i pensieri così come vengono.
La foglia cade dall'albero.
La mela cade dall'albero.
C'è la caduta ma non l'atterraggio. Non vedo come e dove cade se non mi costringo ad immaginarla.
Il lavoro pubblicitario, e a volte quello dell'espressione artistica, è un lavoro forzato: trovare forzatamente un'immagine adatta ad esprimere un concetto.
Invece scrivere liberamente è un piacere a cui è giusto non metter freni.
Il sapere di non aver un pubblico che legge aiuta a scrivere più spontaneamente e aiuta in questo compito di benessere.
Scrivere per se stessi dovrebbe essere la regola, il pubblicare la scrittura dovrebbe essere una decisione secondaria.
Voler fare lo scrittore rovina già la scrittura.

1 commento:

Lazza ha detto...

Io questo post lo stimo molto.
E secondo me piacerebbe molto anche a Proust.